Leggere etichetta e codici pneumatici

Non tutti gli automobilisti vi avranno mai fatto caso, ma lungo il lato esterno delle gomme della vostra auto o della moto vi sono stampate a rilievo delle lettere e dei numeri in sequenze, che accompagnano il nome del produttore e il modello del pneumatico: cosa sono? La carta di identità della ruota! Quei numeri e quelle lettere (sapendoli leggere) ci dicono tutto, dalle misure alle prestazioni, su di essa. Inoltre, dal novembre 2012 entrerà in vigore una nuova normativa che prevede la presenza sul pneumatico di una etichetta che ne specifica la classe di qualità in riferimento a tenuta sul bagnato, rumorosità e consumo di carburante.

codici pneumatici

Come si leggono i codici pneumatici

Il pneumatico riporta sulle sue fiancate (oltre al nome del produttore e al modello della copertura) una vera e propria carta d’identità, infatti vi sono una serie innumerevole di scritte e marcature, che hanno bisogno di un vero specialista per esserne comprese.

La prima marcatura dei codici pneumatici che salta all’occhio e che viene osservata principalmente dall’utente finale è sicuramente quella che riguarda la sezione del pneumatico e del cerchio. Ad esempio se vi è la dicitura 185/60 R 14 che indica la sezione geometrica del pneumatico, vuol dire che:

Leggere dati ed etichetta delle gomme

Esempio: 185/60 R 14

  • 185 è la larghezza del battistrada in millimetri
  • 60 è il rapporto di sezione, corrispondente al 60% dell’altezza diviso la larghezza
  • R sta a significare struttura radiale della carcassa

Subito dopo la misura vi sono altre due sigle: esempio 185/60 R 14 82 H

  • 82 sta ad indicare l’indice di carico, cioè il peso massimo che può sopportare il singolo pneumatico (vi è un’apposita tabella corrispondente).
  • H indica il codice di velocità, pari a 210 km/h (anch’essa rilevabile tramite apposita tabella).

Tabella codici di velocità del pneumatico
Tabella codici di velocità del pneumatico 


La codifica completa

Sigle di conformità e sicurezza dei codici pneumatici

Nei codici pneumatici le sigle che identificano il pneumatico come conformità all’utilizzazione sono rispettivamente marcate con le seguenti diciture:

D.O.T. (Dipartment of Transport) è l’omologazione dei paesi americani. Vi è una combinazione alfanumerica (lettere + numeri), che identifica anche lo stabilimento di produzione e la data di nascita del pneumatico.

E è la lettera che identifica l’omologazione europea, a fianco alla E deve esserci anche un numero che identifica il paese della CE che ha concesso l’omologazione (Es. E3 corrisponde all’Italia).

D.O.T. del pneumatico, omologazione americana
D.O.T. del pneumatico, omologazione americana (con matricola)

Omologazione europea E
Omologazione europea E

Etichetta pneumatici e grado di qualità delle gomme

Da novembre 2012 diviene obbligatoria per ogni pneumatico l’etichettatura che riporta il grado di qualità del prodotto in termini di:

  • trazione e frenata
  • rumorosità
  • risparmio carburante

La novità è stata introdotta dal Regolamento Europeo 1222/2009.

I gradi di qualità per esempio del risparmio o consumo di carburante sono classificati dal grado A (migliore) al grado G (peggiore), così come la trazione sul bagnato (grado A migliore, grado G peggiore).

La rumorosità in decibel riporta il valore, che comunque deve essere rispettato entro tali limiti per non inquinare acusticamente. Quindi l’etichetta è un elemento in più per l’utente finale circa la scelta del prodotto in termini di qualità.

Esempio di etichetta obbligatoria per la qualità delle gomme in vigore da novembre 2012
Esempio di etichetta obbligatoria pneumatici per la qualità delle gomme in vigore da novembre 2012



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Purtroppo non ci sono articoli correlati




Questo articolo ha 7 commenti

  • giovanni scrive:

    Buonasera,
    volevo ringraziarla per le ottime e precise informazioni.
    grazie
    saluti
    Giovanni

  • ilario scrive:

    buongiorno, il mio libretto indica come pneumatico omologato il 185/55 r15C 88t. se dovessi montare questo pneumatico privo della lettera C sarei sanzionabile? in caso di sinistro? grazie

  • Franco scrive:

    E’ possibile leggere la data di produzione del pneumatico? se sì, massimo di quanto può essere vecchia la gomma rispetto alla data d’acquisto?

  • Franco scrive:

    Tra il cambio di un pneumatico estivo ed uno invernale è meglio cambiare anche la valvola?

  • Giovanni Lattanzi scrive:

    Il nuovo sistema di codifica, introdotto nel 2000, adotta 4 cifre. Le prime due indicano la settimana dell’anno in cui è stata prodotto e le seconde due l’anno (esempio: 1210 signifca 12 esima settimana del 2010).

  • Antonio scrive:

    ho comprato un pneumatico roadstone con 205/55/r16
    DOT JJ8K…. COME SI INTERPRETA?CHE ANNO E’?
    grazie

  • Salvatore scrive:

    Ho acquistato recentissimamente gomme 4 stagioni on line, done il DOT è DVB1, ma non riesco a risalire all’anno e mese di produzione. come sarebbe possibile a risalire alla sua nascita?.
    Grz. per l aiuto.
    Un saluto

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.